BROADWAY STYLE / TAP DANCE

 

Artista completo, ovvero danzatore, cantante e attore, Manuel Frattini ha trovato nel genere del Musical il canale d’espressione più congeniale. Grazie alle sue qualità artistiche e alla sua versatilità, è rapidamente diventato uno dei più noti e amati protagonisti del Musical made in Italy. “Gambe scattanti, che sanno accattivarsi il pubblico con un guizzo solare di energia, complice una predilezione per vorticose sequenze di tip tap sprizzanti humour e euforia… Questo è Manuel Frattini, occhi vivaci su cui troneggia un ciuffo sbarazzino di capelli”: questa definizione del critico Francesca Pedroni ben riassume le peculiarità di Frattini, la cui lunga carriera si è svolta tra il palcoscenico e gli studi televisivi – dove ha mosso i primi passi come primo ballerino e coreografo in numerose produzioni Rai e Mediaset: da “Fantastico” a “Pronto… è la Rai?”, da “La sai l’ultima?” a “Festivalbar”- . Manuel inizia a farsi notare nel 1991, quando viene chiamato dalla Compagnia della Rancia diretta da Saverio Marconi per interpretare il ruolo di Mike Costa nel musical A Chorus Line, in cui riscuote un immediato, grande successo personale; si consacra come nuovo talento del musical italiano nella Stagione 1996/1997 ricoprendo il ruolo di Cosmo Brown in Cantando sotto la pioggia. La notorietà e l’ammirazione da parte del grande pubblico arrivano nella Stagione 1998/1999 con il musical Sette spose per sette fratelli, nel quale interpreta con stile memorabile, al fianco di Raffaele Paganini e Tosca, il ruolo di Gedeone e viene definito senza riserve dalla critica “stella emergente” (Vittoria Ottolenghi – Il Mattino), “rivelazione” (Maurizio Porro – Corriere della Sera), “vera creatura da musical” (Rita Cirio – l’Espresso). Le stagioni 1999/2000 e 2000/2001 lo vedono dividere il palcoscenico con Christian De Sica, Lorenza Mario, Monica Scattini e Paolo Conticini nel fortunato Tributo a George Gershwin – Un Americano a Parigi, con la regia e le coreografie di Franco Miseria. Contemporaneamente realizza un piccolo sogno: debuttare come protagonista assoluto in un musical inedito, Musical, Maestro!, coreografato e diretto da Fabrizio Angelini e ideato da lui stesso in collaborazione con Angelini e Giovanni Maria Lori. La stagione 2001/2002 lo vede protagonista nei panni di Seymour, con Rossana Casale e Carlo Reali, del musical di Compagnia della Rancia La Piccola Bottega degli Orrori, regia di Saverio Marconi. Nel marzo 2003 debutta come protagonista nel musical-kolossal Pinocchio, prodotto dalla Compagnia della Rancia, con la regia di Saverio Marconi e le musiche dei Pooh. Tra una replica e l’altra Manuel Frattini trova anche il tempo per pensare e scrivere un musical tutto suo: piano piano prende vita Toc Toc a Time for Musical scritto con dei riferimenti precisi alla sua vita ed alla sua immensa passione per il musical. A fine 2006 Manuel Frattini “impara a volare” esi trasforma in Peter Pan, il musical con le musiche di Edoardo Bennato: il tour prosegue fino alla primavera del 2008 sfiorando 300 repliche sold out e risultando così il musical più visto del 2007 (fonte Tv Sorrisi e Canzoni) cui viene assegnato il prestigioso premio Biglietto d’Oro. Appena il tempo di svestire i panni di Peter Pan e Frattiniè pronto per una nuova avventura: è il protagonista di Robin Hood nelle stagioni 2008/2009 e 2009/2010. Ma il 2010 è anche l’anno di Aladin il nuovo Musical scritto da Stefano D’Orazio con le musiche dei suoi “amici per sempre” Pooh. Le sorprese del 2010 non finiscono: ad ottobre Manuel sbarca in America con Pinocchio, che viene rappresentato a New York nel prestigioso Danny Kaye Playhouse in occasione del Columbus Day a testimonianza della creatività italiana Nelle stagioni teatrali 2011/2012 e 2012/2013 Manuel è di nuovo protagonista in Peter Pan. Nell’estate 2012 Manuel mette in scena, con gli amici di sempre (tra cui Silvia di Stefano, Andrea Verzicco e Angelo di Figlia) Sindrome da musical, uno spettacolo scritto da Lena Biolcati, che prosegue nella stagione 2013, 2014 e 2015. Manuel tiene numerosi stage in tutta Italia e dal 2015 è diventato direttore artistico del Musical Project dell’Associazione Mirò Music School di Sedriano (MI). Nel corso della sua carriera Manuel Frattini ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui: il Premio Bob Fosse – Un Oscar per il Musical e il Premio Danza & Danza come Miglior interprete italiano della stagione 1996/1997 per Cantando sotto la Pioggia; il Primo Premio Nazionale Sandro Massimini (Festival Internazionale dell’Operetta di Trieste 1997).